E' in Vendita il Cd-Rom "Il Gruppo delle Panie"

"Il Gruppo delle Panie" di Luca e Paolo Moriconi. Per saperne di più...cliccare sulla foto della copertina.
Banner

E' in Vendita il Cd-Rom " Le Apuane Meridionali"

Cd-Rom "Le Apuane Meridionali" di Luca e Paolo Moriconi. Per saperne di più...cliccare sulla foto della copertina.
Banner

- Speleologia nella Alpi Apuane -

- Apuane e speleologia: un binomio indissolubile -

 

Le realta' speleologiche in Apuane sono evidenti anche a chi di grotte non si e' mai interessato, infatti l'escursionista che calpesta i sentieri, sia quelli sul versante marino che quello Garfagnino si puo' spesso imbattere nei tipici fenomeni carsici che fanno ipotizzare la presenza di notevoli cavita'.

Le doline, depressioni circolari create dallo sprofondamento di una sezione di terreno a seguito del crollo di una galleria sotterranea o formate dal lento scorrere dell'acqua che dissolve i terreni calcarei in un'area molto ristretta provocando queste voragini. Le varie fratture soffianti, che d'inverno in quota sciolgono la neve e d'estate a valle rinfrescano gli escursionisti, fanno intuire che i fenomeni legati alle grotte in queste montagne assumono un carattere estremamente importante.

L'esplorazione delle grotte in Apuane ha origini antichissime; tralasciando i vari siti frequentati fin dalla preistoria (Grotta all'onda, Castelvenere ecc.) abbiamo testimonianza di studi del Vallisneri, naturalista Garfagnino che gia' nel 1700 descrisse la Tana che Urla (Fornovolasco - Vergemoli) con rigore scientifico e con l'occhio del naturalista. L'inizio del 900 da poi il via ad' un'epoca di grandi scoperte: viene esplorato da un team di speleologi di tutta Italia buona parte dell'Antro del Corchia, che grazie ai suoi labirinti raggiunge al giorno d'oggi uno sviluppo di circa 60 Km e una profondità di 1200 metri, con 13 ingressi. La febbre dell'esplorazione si espande a tutta la catena Apuana e, a parte la forzata sosta a causa del periodo bellico, gli anni '40 sono caratterizzati da campagne esplorative in altre zone Apuane: viene sceso l'Abisso Revel, verticale unica di oltre 300 metri di profondita' situato in Vetricia sotto il Rifugio E. Rossi alla Pania della Croce, con un'epica e audace punta del Gruppo Speleologico Fiorentino supportato anche da un reparto dell'esercito per il trasporto dell'enorme mole di materiali. Negli anni '50 e '60 si vedono i primi campi esplorativi in Valle Arnetola e Monte Tambura, fino arrivare a quella che noi speleo consideriamo (era moderna) con l'introduzione di tecniche piu' sicure, veloci e leggere, che permettono a piccole squadre di esploratori di raggiungere notevoli profondita' in assoluta autonomia. Per capire l'importanza del carsismo in Apuane dobbiamo per forza citare alcune cifre: oltre all'Antro del Corchia, complesso con maggior sviluppo in Europa, e' in Apuane la grotta piu' profonda d'Italia, l'Abisso Roversi con i suoi 1340 metri di dislivello dall'ingresso al fondo situato in Carcaraia, sul versante nord del Monte Tambura. Nella stessa Carcaraia si trova anche il Complesso Saragato-Aria Ghiaccia-Gigi Squisio, che vanta oltre 35 Km di sviluppo e una profondita' di 1250 metri, l'Abisso Perestrojka, l'Abisso Mani Pulite e Abisso Chimera, tutti con profondita' oltre i 1000 metri. L'attivita' speleologica in Apuane e' intensa e frenetica quindi non vi stupite quando incontrerete su qualche sentiero dei personaggi infangati e vestiti con delle tute bizzarre, con imbrachi carichi di moschettoni e una lucina in testa.

 

Per tutti quelli che hanno intenzione di avvicinarsi a questa meravigliosa attivita' o sono semplicemente incuriositi possono trovare informazioni sulla nostra attivita' esplorativa e didattica sul sito:

 http://www.speleogarfagnana.blogspot.com/

 Pietro Taddei, Speleoclub Garfagnana C.A.I.

 
 

WebCam Lucca

Banner

Cd-Rom "Apuane Settentrionali"

E' in vendita il nuovo Cd-Rom Apuane Settentrionali
Banner

Web Cam Rifugio Enrico Rossi alla Pania

Banner